La Medicina Interna nel 2018 - Oltre le Linee Guida

La seconda giornata della Medicina Interna dell'Azienda Toscana Centro verte quest'anno sull'organizzazione delle cure per la corretta gestione di tre tipologie di pazienti: quelli che necessitano di anticoagulazione, quelli con scompenso cardiaco e quelli con sepsi.
Non sempre ciò che serve all'internista, che cura principalmente pazienti polipatologici e complessi è definito dalle linee guida ed è necessario che i modelli organizzativi si adeguano.
In questo contesto definiremo come affrontare l'anticoagulazione nel paziente con insufficienza renale sia nella fase di degenza che nel follow-up ambulatoriale.
Ci occuperemo della terapia anticoagulante nel paziente con stroke cardioembolico secondario a FA sottoposto o no trombolisi e/o trombectomia meccanica.
Affronteremo la problematica del sanguinamento gastro-enterico in corso di anticoagulanti stabilendo cosa fare in acuto, quando e come riprendere la terapia, quale follow-up.
Lo scompenso cardiaco rappresenta una delle problematiche più rilevanti in Medicina Interna: l'ottimizzazione delle vecchie terapie e nuovi farmaci possono offrire nuove strategie per migliorare le performance e ridurre il revolving door.
Per questo divulgheremo i dati del registro TAV centro HF SCORE che dimostrano come con uno specifico modello organizzativo si possano ridurre le riammissioni ospedaliere.
Inoltre faremo il punto sulle terapie per lo scompenso a funzione di pompa conservata.
La sepsi severa e lo shock settico rappresentano problematiche rilevanti nei setting internistici sia per la corretta intercettazione che per la messa in pratica di tutto ciò che le linee guida ci consigliano: è necessario allora predisporre modelli di monitorizzazione clinica in aree di degenza adeguate . Nel paziente settico è necessario spesso scegliere empiricamente la terapia antibiotica , e per questo sono utili processi formativi condivisi e revisionati. E' fondamentale poi ottemperate una corretta de-escalation della terapia antibiotica per perseguire l'appropraiatezza tanto importante in questo contesto.
Infine valuteremo come l' ecografia bed side possa in questi ambiti aiutare l'internista nella corretta gestione dei pazienti.
Quindi ancora una volta l'integrazione tra clinica e organizzazione farà da "live motive" della giornata.


Deadline iscrizione
12/11/2018


Crediti ECM:
6